Come diventare un leader in sei punti, impariamo dai grandi

di | 20 Marzo 2020

Oggi parliamo di leadership: Leader si nasce o si diventa?

“Per essere un buon Imprenditore bisogna prima di tutto essere un buon leader”

Chi non ha sentito almeno una volta nella vita questa frase?

Eppure leader non si nasce ma si diventa, è come una dote che va sviluppata e perfezionata sempre più.

Ovviamente è necessario conoscere a fondo quali sono le caratteristiche dei leader e studiare come farle proprie e come modificarle sulla nostra persona.

Una volta capite le caratteristiche dei leader, bisogna allenarsi giorno per giorno, proprio come quando si va in palestra per modellare il nostro corpo.

Vediamo cos’è la leadership:

Da Wikipedia,

Con leadership, in italiano direzione o comando, si intende il rapporto di colui che in una struttura sociale organizzata occupa la posizione più elevata, nell’interazione col resto del gruppo. Tale figura viene generalmente definita capo o leader.

A parole mie invece è l’abilità di guidare, motivare, coinvolgere più persone.

Che siano Dipendenti, conoscenti, amici o familiari.

Ora, per approfondire e aumentare le tue capacità di leadership ti rimetto i 6 punti fondamentali su cui dovrai lavorare per sviluppare la tua abilità e diventare un vero leader.

  1. Credibilità
  2. Competenza
  3. Entusiasmo
  4. Cuore
  5. Controllo
  6. Affetto

> PUNTO 1

Essere credibili e competenti:

La credibilità di cui godiamo agli occhi dei nostri dipendenti, non è altro che direttamente proporzionale alla competenza che abbiamo nel nostro lavoro.

Più siamo competenti più siamo credibili. Non ci sono vie di mezzo! Un allenatore di calcio per esempio, se non ha competenza, i suoi ragazzi come potranno mai rispettarlo? Come potranno mai apprezzarlo?

In ogni settore se non si è competenti non si è credibili.

Per cui bisogna continuamente studiare, allenarsi e formarsi, affinché la competenza nel nostro settore sia sempre più eccelsa diventando di riflesso credibili. Fai un analisi dettagliata per capire in quali sfere della tua Attività dovresti acquisire più competenza e mettiti subito a lavoro con corsi, esercizi, libri, ecc…

> PUNTO 2

Capacità di entusiasmare:

Un leader è in grado di caricare la propria squadra, di motivarla ed entusiasmarla in qualunque condizione essa si trova. Per riuscire in questo scopo, un allenatore ovviamente deve essere entusiasta del proprio lavoro.

Il grande Steve Jobs diceva sempre che per accendere la scintilla motivazionale nella propria squadra bisogna focalizzarsi sui propri progetti e vederli come se fossero già stati realizzati. Solo così si accenderà il motore dell’entusiasmo, riempiendoci di energia e motivazione che servirà poi per trasferirla alla propria squadra.

> PUNTO 3

Interessati alle persone:

Un buon leader si interessa sempre ai suoi dipendenti, ai suoi uomini, alla propria squadra. Interessati e allenati ad ascoltare quali siano i bisogni e i problemi dei tuoi dipendenti e possibilmente risolvili. Un tuo collaboratore deve poter contare sul tuo totale appoggio.

Mettici il cuore in questo.

> PUNTO 4

Coinvolgi la tua squadra con un idea entusiasmante:

Uno fra tutti tra gli episodi che hanno fatto la storia è certamente quello della Apple;

Chi l’avrebbe mai detto che due ragazzotti che avevano abbandonato gli studi, entrambi chiamati Steve, (Steve Jobs e Steve Wozniak) potessero fondare una delle prime industrie elettroniche al mondo?

Chi l’avrebbe detto che da un garage di casa, si potesse arrivare a produrre calcolatori in tutto il mondo, creando una società da oltre 50 miliardi di dollari di capitalizzazione? Sì, a volte è proprio vero: bisogna pensare differente.

Questo è solo un breve riassunto, che non ha chissà quale pretesa, della storia di una mela, morsicata per giunta, di due ragazzi con pochi soldi ma tante visioni, e di miliardi di persone che, se ora possono scrivere comodamente col loro tablet dal divano di casa…
Beh, un po’ qualcosa devono all’azienda con sede a Cupertino in California.

Un vero leader convince i propri collaboratori della fattibilità di un sogno, li stimola, li carica, li persuade ad investire mettendo una firma su un foglio bianco.

La loro è stata un’idea così potenziante che ha mosso le montagne e ha cambiato il loro destino. Ci hanno creduto sin dall’inizio, e questo gli ha dato la forza e le capacità di crescere e di portare la loro idea in tutto il mondo.

Per essere dei leader bisogna credere nelle proprie idee e nei propri sogni, solo così potrai cambiare il mondo e la visione di te agli occhi dei tuoi amici, dipendenti, vicini.

> PUNTO 5

Controlla la tua ira e impara a correggere gli errori dei dipendenti:

Ogni allenatore, manager, datore di lavoro ha a che fare tutti i santi giorni con errori commessi dai propri collaboratori o dipendenti, ma se uno sbaglio scatena la tua ira allora c’è un problema su cui lavorare; Un leader fa di tutto per mettere i componenti della propria squadra a proprio agio quando si esprimono e quando si confrontano con lui.

Se sei capace di correggere in maniera efficace una persona agendo sulle idee e non sulle azione che lo hanno portato all’errore, allora sei sulla strada giusta per diventare veramente un leader. Diversamente se così non è devi allenarti per migliorare e smussare questo tuo lato spigoloso.

> PUNTO 6

Affetto e simpatia:

Un leader ha profonda stima dei suoi collaboratori, nutre affetto per la propria squadra, perché sono i suoi ragazzi e li proteggerebbe a spada tratta da ogni sorta al costo della propria vita.

Prenditi cura dei tuoi ragazzi e loro si prenderanno cura di te e della tua Azienda portando risultati eccellenti che mai ti sogneresti di avere.

 

Questo farà di te un leader!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *